Tel. 0521 245095 Fax. 0521 466922

Lenti a Contatto Minisclerale o Sclerale

Si tratta di un metodo innovativo e moderno, che negli anni si è dimostrato sempre più affidabile. Questa tipologia di lente a contatto nasce per risolvere casi molto difficili, con una procedura sicura e ripetibile. La lente Minisclerale non si appoggia sulla cornea, ma come il nome suggerisce, soltanto sulla sclera (la parte bianca dell’occhio), consentendo una buona centratura, riducendo la secchezza

oculare e risolvendo difetti di ogni tipologia.

E’ una lente molto più confortevole rispetto ad una lente semirigida tradizionale.

Miglioramento della visione nei casi di Astigmatismi Irregolari che con un occhiale si possono correggere solo in parte:

Cheratocono, Cheratoglobo e Degenerazione Marginale
Pellucida.

La cornea è la lente trasparente dietro la quale trovano posto l’iride, la porzione colorata dell’occhio, e la pupilla nera centrale. Normalmente la cornea ha una forma sferica regolare; nelle persone affette da cheratocono, cheratoglobo o degenerazione marginale pellucida nella cornea si forma una protuberanza conica ed irregolare che disturba la visione.

Post Chirurgia Refrattiva (Lasik, Lasek, PRK e post Cheratotomia Radiale).

Può accadere che dopo una chirurgia refrattiva con il laser (Es. Miopia) la visione non sia ottimale a causa di eventuali astigmatismi irregolari creati dall’operazione. 

Trapianti di cornea.

Il chirurgo, con l’aiuto di un microscopio operatorio, rimuove la parte centrale
della cornea malata e la sostituisce con la cornea sana di un donatore.

Cicatrici da traumi o infezioni corneali, in particolare da Herpes Simplex.
Le cicatrici corneali spesso creano problemi, si fa fatica a guidare di notte per via dell’abbagliamento. Per di più lavorare tutto il giorno al computer diventa molto faticoso, dato che bisogna abbassare la luminosità dello schermo e di conseguenza leggere diventa difficile.

Degenerazioni o Distrofie Corneali
Di solito sono malattie genetiche che provocano la perdita di trasparenza corneale a causa dell’accumulo di materiale al suo interno o per la disfunzione di alcune sue cellule (endoteliali).

 

Questi sono tutti casi dove la lente Minisclerale è la soluzione ideale dato che non appoggiando sulla cornea non creerà problemi di sfregamento o schiacciamento della cornea stessa.

Protezione Oculare:

Sindrome da occhio secco (Es. Sindrome di Sjogreen)

E’ una malattia infiammatoria che danneggia le ghiandole lacrimali e salivari.

Queste persone presentano bruciore e secchezza agli occhi. La lente minisclerale con la sua forma, trattiene la lacrima tra la lente e la cornea, mantenendo l’occhio umido. 

Chiusura Palpebrale Incompleta (Es. Coloboma palpebrale, Esoftalmo, Ectropion, ecc.)

Quando la palpebra non distribuisce la lacrima in modo uniforme sulla cornea e sulla congiuntiva, si formano delle zone asciutte che creano fastidi e dolore.

 

Trichiasi

Quando a causa di un alterato orientamento delle ciglia, esse sfregano l’occhio e lo irritano.

Entropion

Si crea quando il margine della palpebra ruota verso l’interno e ad ogni ammiccamento le ciglia ed il margine palpebrale sfregano l’occhio causando arrossamento ed irritazione. 

Lavoro in Ambienti Polverosi

Molte persone non riescono ad indossare le lenti semirigide tradizionali perché lavorano in ambienti polverosi.  Con le lenti Minisclerali, coprendo completamente la cornea questo problema non sussiste.

Sport:

Sport Acquatici 

  • Pallanuoto
  • Canoa
  • Immersioni 
  • Sci d’acqua

Sport Dinamici in Ambienti Polverosi 

  • Rugby 
  • Calcio
  • Baseball
  • Ecc.

Con le lenti Minisclerali si possono effettuare qualsiasi tipo di sport, soprattutto dove l’occhio deve essere particolarmente protetto.

Chiudi Menu